Wikitzionàriu de Acadèmia de su Sardu:LemONS/it

From Wikitzionàriu de Acadèmia de su Sardu

Questa è la versione in italiano della pagina Wikitzionàriu de Acadèmia de su Sardu:LemONS.


Lemàriu Ortogràficu a Norma de su Sardu


Questo lavoro vuol essere il primo nucleo del LemONS (Lemmario Ortografico a Norma del Sardo), cioè l’elenco delle parole del dizionario delle forme normalizzate delle due macrovarietà Campidanese e Logudorese della lingua sarda, secondo le indicazioni de “Su Sardu Standard”. Non pretende quindi, almeno per ora, di essere un vocabolario completo con le definizioni o le traduzioni delle parole; sarà solo un utile strumento per coloro che, accingendosi a scrivere in sardo, vogliano rispettare le norme ortografiche del campidanese e del logudorese proposte da Acadèmia de su Sardu nel libro "Su Sardu Standard".

Per leggere all'interno dei lemmi

abacai (in verde) lemma a norma CAM, con pronuncia normata a fianco, preceduto o seguito da norma LOG secondo l’ordine alfabetico, e seguito da marca grammaticale, {traduzione italiana} (solo una, quella più nota, in azzurro) e ⇐ con le forme non a norma
abba (in rosso) lemma a norma LOG, con pronuncia normata a fianco, preceduto o seguito da norma CAM secondo l’ordine alfabetico, e seguito da marca grammaticale, {traduzione italiana} (solo una, quella più nota, in azzurro) e ⇐ con le forme non a norma
àbbacu lemma non a norma secondo Su Sardu Standard, con grafia della pronuncia locale conosciuta, con rimando (⇒) al lemma normato

Attento/a! Nella lista delle parole non ne troverai MAI scritte con le lettere doppie PP, TT, CC, GG, FF, VV, MM, né scritte con lettere che non fanno parte dell'alfabeto sardo Q, K, W, Y. Non ci saranno nemmeno tutti gli infiniti dei verbi con desinenze non standard, come -ae, -ie, -ì (tonico), -ari, '-iri (atono), -ade, -ede, -ide.

Segni fonetici delle norme CAM e LOG

Trascrizione fonetica semplificata (non IPA)
Segni Spiegazione ITA Esempio
. divisione in sillabe .nu
(.) allofonia della divisione in sillabe di due vocali, con pronuncia talvolta a dittongo e talvolta a iato à.cu(.)a
.(a e i o u) allungamento della vocale finale tronca me.rì.(i), fà.(a)
è ò vocali toniche medie aperte mè.li, mò.la
é ó vocali toniche medie chiuse mél.lusu, mól.lu
à ì ù altre vocali toniche mà.li, mìl.li, mùl.li
a e i o u vocali paragogiche in.cà.pasa, sèse, lù.nisi, bò.noso, ge.sùsu
ɖ occlusiva retroversa ɖu, pùɖ.ɖa
j approssimante palatale intervocalica o ad inizio di parola mà.ju, jó.bi(.)a
b.b d.d g.g occlusive sonore intervocaliche a.càb.bu, ad.dà.si(.)u, ag.gra.dès.si
.b .d .g fricative sonore intervocaliche à.be, mè.da, pà.gu
(b) (d) (g) occlusive sonore e affricata palatale sonora ad inizio di parola, che spesso cadono in fonetica sintattica (b)òl.li, (d)ò.mu, (g)à.tu, (g)èn.na
(b).b (d).d (g).g allofoni sonori, con pronuncia talvolta occlusiva e talvolta fricativa a(b).bé.ru, a(d).de.re.tsà.i, a(g).ga.fà.i
ts dz affricate dentali sorda e sonora tsó.pu, dzè.ru
tc allofoni davanti a -e, -i in campidanese, con pronuncia affricata, talvolta dentale e talvolta palatale tci.tà.di, tce.le.brà.i
n.ts r.ts allofoni dopo n-, r-, con pronuncia talvolta fricativa e talvolta affricata pen.tsài, fór.tsisi
ch gh occlusive velari sorda e sonora davanti a -e, -i chè.na, chì.e, ghe.tà.i, ghì.ri
ci gi affricate palatali sorda e sonora davanti a -a, -o, -u cià.fu, ma.ciò.ni, bé.ciu, giàs.su, gió.gu, giù.stu
sci fricativa palatale sorda davanti a -a, -o, -u cà.scia, ca.sciò.ni, sciù.gu
camp l.li(.) vs

log .llj

differenza di pronuncia tra campidanese [lli.] e logudorese [ʎ] delle parole entrate dall'italiano o lo spagnolo l.li(.)a / mà.llja
camp n.ni(.) vs

log .nnj

differenza di pronuncia tra campidanese [nni.] e logudorese [ɲ] delle parole entrate dall'italiano o lo spagnolo n.ni(.)u / bà.nnju
x fricativa palatale sonora davanti a tutte le vocali pre.xà.u, a.xé.du, pà.xi, ar.ra.xò.ni, pré.xu

Abbreviazioni

Segno Spiegazione ITA
ag aggettivo
am dimostrativo
art articolo
aus ausiliario
av avverbio
card cardinale
cong congiunzione
def definito
deriv derivato
det determinativo
d.ag locuzione aggetivale
d.av locuzione avverbiale
d.cong locuzione congiunzionale
d.n locuzione sostantivale
d.prep locuzione preposizionale
escl esclamazione
f femminile
int interrogativo
iter iterativo
m maschile
n nome
neut neutro
nodef indefinito
nodet indeterminato
num numero, numerale
ord ordinale
pl plurale
pers persona, personale
poss possessivo
pp participio passato
pr (nome) proprio
prep preposizione
pron pronome, pronominale
rel relativo
rifl riflessivo
sing singolare
tram alterato
AMANN accrescitivo
CARINN vezzeggiativo
IMPEOR dispregiativo
MENG diminutivo
v verbo

Note lessicografiche

Segno Spiegazione ITA Esempio
¹ ² ³ ⁴ ... Quando una parola è già presente nel lemmario ma con un altro significato.
Abbarrare ¹

abbarrare ¹ v ⇒ abarrare {restare}.

perché abbarrare c'è già, ed è un lemma standard che significa recintare abbarrare [ab.bar.rà.re] v {recintare}.

Quando una parola campidanese non standard c'è già nel lemmario ma è la parola standard dell' altra variante.
Cimentu

cimentu [tci.mén.tu], ciumentu [ciu.mén.tu] n m {cemento} ⇐ cimentu ᶜ, giumentu, tzimentu.

perché cimentu è sia lo standard logudorese che una parola non standard campidanese (cimentu ᶜ).

Quando una parola logudorese non standard c'è già nel lemmario ma è la parola standard dell' altra variante.
Acabbadora

acabbadora [a.cab.ba.dò.ra], agabbadora [a.gab.ba.dò.ra] n f {colei che pratica l'eutanasia} ⇐ acabbadora ᴸ.

perché acabbadora è sia lo standard campidanese che una parola non standard logudorese (acabbadora ᴸ).

ᴺᴬ Quando una parola che segue le regole della norma non è attestata e si prende per standard un' altra forma che è attestata (se però non ci sono indizi di grande frequenza d'uso, si può prendere come standard la forma non attestata).
Troci

troci [trò.ci] v {torcere; spostare} ⇐ torci ᴺᴬ.

perché la forma standard (attestata) gode di grande frequenza d'uso nonostante sia una metatesi e nonostante sia presente nel dizionario di Puddu la forma tòrciri (che ha caratteristiche fonetiche tipiche dello standard ma la desinenza mostra che è usata in luoghi periferici).

(s') (si) Verbi riflessivi
Cabigiai (si)

si cabigiai [si ca.bi.già.i] v {abituarsi a stare in un luogo ristretto}.

(m) (f) (pl) (neut) Quando la parola non standard ha un genere grammaticale diverso da quello dello standard
Coja

coja [có.ja], coju [có.ju] n f m {matrimonio} ⇐ cògiu, cògiua (f), còjua (f), còjuva (f), còua (f), cozu, còzua (f).


Standard logudorese: coju n m

Non standard logudorese: cògiu, cògiua (f), còjua (f), còjuva (f), còua (f), cozu, còzua (f)